Home > Articoli > Frutti di bosco, caratteristiche e calorie

Frutti di bosco, caratteristiche e calorie

Oggi ho deciso di fare un articolo diverso dal solito perchè si avvicina l’estate e si avvicina il periodo dei dolci freddi al cucchiaio con frutta fresca e perchè non sapere di più su quello che scegliamo di utilizzare per questi dolci favolosi?
Quindi ecco a voi il mio articolo sui FRUTTI DI BOSCO . 
Spero vi piaccia e vi metta voglia di capire meglio cosa ci offre ognuno di questi frutti.
Prima di lasciarvi a questa lettura fruttosa vi dedico una frase:

Le vere passioni hanno un loro istinto molto preciso.
Mettete un piatto di frutta davanti a un goloso; non si sbaglierà, sceglierà, anche a
occhi chiusi, il frutto migliore.

Honoré de Balzac, Afrodita, 1998.

 

I frutti di bosco sono una categoria di frutta che si sviluppa nel particolare clima umido del sottobosco.
I frutti di bosco sono:

  • Amarena (Prunus cerasus)
  • Ciliegio selvaggio (Prunus avium)
  • Fragola di bosco (Fragaria vesca)
  • Lampone (Rubus idaeus )
  • Ribes (Ribes sativum)
  • Gelso (Morus)
  • Mirtillo (Vaccinium)
  • Mora (Rubus ulmifolius )
  • Mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea)
  • Ossicocco, Mirto e Mortella (Vaccinium oxycoccos)
  • Ossicocco americano (Vaccinium macrocarpon)
  • Ribes nero (Ribes nigrum)
  • Uva spina (Ribes uva-crispa)
  • Sambuco nero (Sambucus nigra)

Ovviamente come tutti sappiamo, Mirtilli, lamponi, fragoline, more sono tra quelli più famosi e facilmente reperibili sul mercato; non sono raggruppati per le loro proprietà, ma per il fatto di condividere lo stesso habitat.
I frutti di bosco sono molto versatili e vengono impiegati in svariate forme e utilizzi culinari. Possono essere consumati freschi, aggiunti a yogurt o a dolci al cucchiaio, possono essere utilizzati per aromatizzare liquori e grappe, trasformati in succhi o in salse per insaporire vari piatti, soprattutto secondi di carne.

Ora facciamo degli esempi su come vengono utilizzati molti di loro sia a livello culinario che a livello “medico”.

-I mirtilli rossi: per esempio, oltre a essere ottimi sotto forma di marmellata o di grappa, sono apprezzati in medicina per prevenire e curare le infezioni alle vie urinarie (in particolar modo la cistite); sono utili anche come coadiuvanti in caso di diarrea, nelle stitichezze, e nei problemi legati al colon irritabile e alle emorroidi.
-Fragoline di bosco: sono frutti di bosco anche detti “fragole selvatiche”; hanno una forma allungata, un colore rosso vivo ed un sapore dolce. Si dice che vantino un forte potere depurativo e che gli sfoghi cutanei che spesso provocano a chi le mangia in abbondanza siano il frutto di una disintossicazione eccessivamente rapida (affermazione priva di fondamenti scientifici); ad ogni modo, le fragoline di bosco contengono notevoli quantità di salicilati, molecole potenzialmente allergizzanti; inoltre, come le fragole comuni, rientrano nel gruppo degli alimenti istamino-liberatori.
-Lamponi: sono frutti di bosco dal sapore dolciastro che hanno la forma tipica del polidrupa (detti aggregati o composti) e un colore rosso-giallastro; hanno caratteristiche diuretiche ed antiossidanti. I germogli e le foglie dei lamponi hanno buone proprietà astringenti.
-More: sono frutti di bosco dal sapore dolcissimo, dalla forma tipica del polidrupa e (a maturazione completa) di colore totalmente nero; anch’esse contengono salicilati. Le foglie ed i germogli sono stati usati per lunghi anni in erboristeria per curare le faringiti.
-Ribes: sono frutti di bosco rossi o neri dalla forma globosa, caratterizzati da una polpa dolce-acidula; hanno un’azione diuretica ed altamente antiossidante.
All’ elenco dobbiamo poi aggiungere il sambuco e l’uva spina. La loro minor conoscenza ha dei motivi concreti: il sambuco non viene mai consumato fresco, alcune parti delle sue bacche neri infatti sono tossiche. Ecco perché sono molto più famosi i suoi derivati ‘cotti’.
L’uva spina invece è molto rara da trovare ed ha proprietà fortemente antiossidanti ed alcuni sostengono che possa rinforzare i capelli.

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI:

Contengono acqua e fibra in abbondanza, apportano un quantitativo di zuccheri (lo zucchero che contengono è il fruttosio) di media entità, associato ad una concentrazione vitaminica, di antiossidanti e sali minerali assolutamente degna di nota. I frutti di bosco possono essere contestualizzati se usati in modo moderato, nella dieta per il diabete mellito tipo 2.
Spiccano le concentrazioni di vitamina C (acido ascorbico) e di potassio; il gruppo delle sostanze fenoliche antiossidanti è ben rappresentato dai flavonoidi, dalle antocianine e dai tannini. I frutti di bosco sono anche ricchi di fitosteroli, molecole utilissime nella moderazione dell’ipercolesterolemia.

CALORIE PER 100 G DI PRODOTTO:

Questi che vi sto dando sono quelli che principalmente si consumano, specialmente in questa stagione.

Fragole

  • Calorie: 30 kcal
  • Grassi: 0.3 g
  • Carboidrati: 7.68 g
  • Proteine: 0.67 g
  • Fibre: 2 g
  • Zuccheri: 4.89 g
  • Acqua: 90.95 g
  • Amido: 0.04 g
  • Ceneri: 0.4 g

More

  • Calorie: 35 kcal
  • Grassi: 0.49 g
  • Carboidrati: 9.61 g
  • Proteine: 1.39 g
  • Fibre: 5.3 g
  • Zuccheri: 4.88 g
  • Acqua: 88.15 g
  • Amido: 0 g
  • Ceneri: 0.37 g

Mirtilli neri e Mirtilli rossi

  • Calorie: 45 kcal
  • Grassi: 0.33 g
  • Carboidrati: 14.49 g
  • Proteine: 0.74 g
  • Fibre: 2.4 g
  • Zuccheri: 9.96 g
  • Acqua: 84.21 g
  • Amido: 0.03 g
  • Ceneri: 0.24 g

Lamponi

  • Calorie: 30 kcal
  • Grassi: 0.65 g
  • Carboidrati: 11.94 g
  • Proteine: 1.2 g
  • Fibre: 6.5 g
  • Zuccheri: 4.42 g
  • Acqua: 85.75 g
  • Amido: 0 g
  • Ceneri: 0.46 g

Ribes neri e Ribes rossi

  • Calorie: 28 kcal
  • Carboidrati: 6,6 g
  • Grassi: 0 g
  • Proteine: 0,9 g
  • Fibre: 3,6 g
  • Acqua: 77,4 g
  • Amido: 0 g
  • Ceneri: 0.26 g

Ragazzi buona lettura!!

Mandatemi un messaggio con scritto quale altro articolo fare la prossima settimana!!
Aspetto tante richieste!!

ricettedilulu

ricettedilulu
Ciao a tutti! Il mio nome è Lucrezia, quello che mi piace di più è condividere con voi le mie ricette e conoscere le vostre per rifarle e gustare con voi, anche se non fisicamente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

4 × uno =