Home > Articoli > I Carciofi

I Carciofi

I Carciofi

Buonasera miei lettori! Oggi ho deciso di fare un articolo un po’ diverso dal solito, non parliamo di frodi e neanche di come posso cambiare un qualcosa con un qualcosa più salutare. Ma ho deciso di fare un articolo sugli ortaggi soffermandomi principalmente sul carciofo! Sicuramente non sarà l’ultimo articolo che parla di un ortaggio o di un frutto in modo specifico. Iniziamo così non perdiamo troppo tempo! Buona Lettura! In genere gli ortaggi presentano un elevato contenuto d’acqua, una discreta quantità di fibra alimentare, poche proteine di basso valore biologico, pochi grassi e amidi in quantità non apprezzabili ad esclusione dei tuberi. E ‘noto che gli ortaggi sono un’importante fonte di vitamine e sali minerali che variano per quantità e qualità secondo le diverse specie. I sali minerali più rappresentati sono costituiti da potassio, magnesio, fosforo, sodio, ferro e calcio. Gli ortaggi sono dei buoni coadiuvanti digestivi; la fibra assicura una funzione stimolante nella peristalsi e contribuisce a combattere la stipsi. In generale contribuiscono a dare senso di sazietà, senza incidere molto nell’apparato calorico complessivo della dieta. Alcuni possono risultare mal digeriti per intolleranza individuale nei confronti di determinate sostanze. Gli ortaggi possono contenere FATTORI ANTINUTRIZIONALI: ossalati e fitati, solanina, alcaloide, nitrati e nitriti, che in presenza di ammine formano le nitrosammine, sostanze considerare cancerogene. Sono una buona fonte di ANTIOSSIDANTI che presentano il vantaggio di neutralizzare i radicali liberi, cioè, molecole potenzialmente pericolose, in quanto possono distruggere le cellule sane ed il loro DNA. Bisogna segnalare che l’apporto di beta-carotene e di Vitamina C sono una protezione contro il rischio di contrarre certi tipi di tumore. Nel complesso gli ortaggi sono considerati alimenti a prevalente funzione protettiva per il loro buon contenuto di antiossidanti e di fibra alimentare. Per tale motivo sono alimenti da inserire nella dieta di tutti i giorni.

Classificazione carciofi

Gli ortaggi vengono normalmente classificati in funzione della parte vegetale che viene consumata dall’uomo.

  • RADICE: carota, rapa, ravanello, barbabietola, ecc..
  • TUBERO: patata, patata americana, ecc..
  • BULBO: aglio, cipolla, porro, ecc..
  • FUSTO: sedano, cardo, ecc..
  • FOGLIA: lattuga, bieta, spinaci, radicchio, ecc..
  • FRUTTO: pomodori, melanzane, peperone, zucca, ecc..
  • GEMMA: asparagi, cavolini di Bruxelles, ecc..
  • FIORE: cavolfiore, carciofo, ecc..

Nello specifico oggi ho deciso di parlare dei carciofi che fanno parte della famiglia Composite e il suo nome d’origine, è quello di: Cynara scolimus. Del carciofo si consumano sia le brattee che sono le comuni foglie che il ricettacolo. I carciofi sono ricchi di Vitamina A e sali minerali come potassio, calcio e fosforo. Sono una buona fonte di fibra alimentare e contengono insulina che li rendono indicati nella dieta dei diabetici. Contengono un principio attivo cinarina utile nelle insufficienze epatiche. Il carciofo costituisce il bottone floreale di una pianta, perenne nei climi caldi e annuale altrove. Esistono circa 15 varietà di carciofo, tutte con forma generalmente allungata e colore verde scuro tendente al blu o al violetto. Le più comuni sono il carciofo sardo, quello ligure con infiorescenza spinosa, il carciofo romano che ha, invece, infiorescenza a palla e senza spine. Le parti commestibili sono: il fondo e la base delle foglie, invece, non lo è il cosiddetto “fieno” da cui nasceranno i nuovi fiori.

STAGIONALITÀ: autunno, inverno e primavera.

VALORE NUTRITIVO:

  • Acqua 84%
  • Proteine 3,5 g
  • Grassi 0,2 g
  • Zuccheri 11,2 g
  • Calorie 50

Questo ortaggio è ricco di potassio, magnesio, rame, zinco, ferro, fosforo, calcio, acido folico, acido pantotenico, niacina e Vitamine C e B6 ; inoltre, è considerato depurativo, antitossico, diuretico ed epatoprotettore.

TAGLI:

Il carciofo normalmente lo troviamo intero, affettato, tornito, a spicchi o in dadi.

UTILIZZO IN CUCINA:

Il carciofo da utilizzare in cucina deve essere pesante, con brattee chiuse, di un colore verde vivace e uniforme. Esso lo possiamo preparare crudo per delle insalate, condito con salse a base di olio oppure cotto in blanc o al vapore, condito con olio o ancora può essere cucinato ripieno. I carciofi possono essere anche cotti fritti, in casseruola o in forno, oppure gratinati con oli aromatizzati e formaggi. Inoltre spicchi cotti al salto, possono accompagnare paste alimentari, mentre ridotti in purèe sono impiegati come farcia o inseriti nelle minestre e nelle zuppe. Infine, i carciofi più piccoli sono spesso utilizzati nelle conserve a base di olio extra vergine d’oliva. Anche per stasera abbiamo finito con questo magnifico articolo, ringrazio Andrea che è sempre disposta a darmi una mano in questi articoli e vi ricordo che le nostre ricerche vengono fatte su:

  • TECNICHE DI CUCINA: libri Alma-Plan
  • CONOSCERE GLI ALIMENTI: di Silvano Rodato.
Summary
I Carciofi
Article Name
I Carciofi
Description
Ho deciso di fare un articolo sugli ortaggi soffermandomi principalmente sul carciofo!
Author
Publisher Name
Ricette di Lulù
Publisher Logo
Buonasera miei lettori! Oggi ho deciso di fare un articolo un po' diverso dal solito, non parliamo di frodi e neanche di come posso cambiare un qualcosa con un qualcosa più salutare. Ma ho deciso di fare un articolo sugli ortaggi soffermandomi principalmente sul carciofo! Sicuramente non sarà l'ultimo articolo che parla di un ortaggio o di un frutto in modo specifico. Iniziamo così non perdiamo troppo tempo! Buona Lettura! In genere gli ortaggi presentano un elevato contenuto d'acqua, una discreta quantità di fibra alimentare, poche proteine di basso valore biologico, pochi grassi e amidi in quantità non apprezzabili ad…

Score

Voto Utenti : 3.8 ( 1 voti)

ricettedilulu

ricettedilulu
Ciao a tutti! Il mio nome è Lucrezia, quello che mi piace di più è condividere con voi le mie ricette e conoscere le vostre per rifarle e gustare con voi, anche se non fisicamente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

19 − 8 =