Home > Primi piatti > Spaghetti Cacio e pepe

Spaghetti Cacio e pepe

Ciao ragazzi!! Ieri sera ero a casa con mia mamma e le ho chiesto se voleva farmi da “cavia” per la classica ricetta romana per eccellenza e lei mi ha detto perchè no!
Allora ho deciso di provare a fare questa ricetta che è molto facile da fare ma ho avuto parecchi problemi nel trovare il cacio non in tutti i negozi si trova e sinceramente ci stavo perdendo le speranze.
Ma alla fine ce l’ho fatta! Ci ho messo quasi un mese per trovarlo ma il duro lavoro viene sempre ripagato!
Questo come vi ho accennato prima è un piatto tipico della cucina romana e ha origini antiche.
I pastori dell’ Agro si portavano nella bisaccia cacio, pepe e spaghetti essiccati.
Essa racchiude in sé tutta l’anima popolana di una città votata alla grandezza, alla maestosità ma che non dimentica mai la semplicità dei suoi rioni, la genuinità delle sue disordinate borgate. Come tutte le cose romane, anche la Cacio e pepe vive di controversie e interpretazioni. Tonnarelli, rigatoni, spaghetti anzi no, mezze maniche. Sono decine e decine le versioni, dichiaratamente rivisitate o che si dicono essere l’originale, che si possono trovare in città. Tutte, però, hanno una cosa in comune sono la “mejo” che potete mangiare a Roma.
Io ho deciso di prepararla con una tecnica un po’ diversa, ho deciso di risottare la pasta, facendo così la pasta rilascia il suo amido e vi si creerà quella cremina che tutti amano.
Ma direi che possiamo iniziare a cucinare! Allacciate i grembiuli ai fianchi che si parte!

 

INGREDIENTI:

 

160 g di spaghetti di mais ( va bene qualsiasi tipologia di pasta)
80 g di cacio (romano mi raccomando!)
pepe q.b.

 

PREPARAZIONE:

 

La prima cosa che bisogna fare è quella di mettere su la pentola con l’ acqua di cottura.
Io ho deciso di non salarla perchè il cacio ha questo gusto molto forte e se salate l’acqua rischiate che poi il piatto risulti troppo salato e alla fine immangiabile.
Mentre l’acqua si scalda e arriva a bollore, io ho grattato il cacio in un piatto e lasciato in disparte fino a che non mi serviva.
Appena l’acqua arriva a bollore butto gli spaghetti giusto un paio di minuti per renderli più morbidi e subito dopo li passiamo in una wok con due mestoli d’acqua di cottura e la facciamo asciugare esattamente come facciamo con il riso e il brodo per fare un risotto. (l’acqua di cottura deve continuare a scaldarsi quindi abbassate il fuoco ma non spegnetelo)
continuiamo questo procedimento fino a che la pasta non ha ultimato la cottura e a questo punto aggiungiamo poco alla volta il cacio, amalgamiamo il tutto per bene fino a finirlo e fino a che non si crea la cremina poi in ultimo aggiungiamo il pepe, io l’ho aggiunto poco alla volta e man mano che lo amalgamavo assaggiavo perchè ci vuole il giusto equilibrio.
Ora possiamo servire ancora da caldi!

Buon Appetito miei cari amici lettori!!

 

CONSIGLIO:

 

Se avete paura ad utilizzare questa tecnica potrete benissimo fare la pasta in modo classico e creare la cremina in un pentolino piccolo e antiaderente.

 

MODALITÀ DI CONSERVAZIONE:

 

Potrete mantenerla in frigorifero per massimo un giorno in un contenitore ermetico.

Sommario
recipe image
Nome ricetta
Spaghetti Cacio e pepe
Pubblicato il
Preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale

ricettedilulu

ricettedilulu
Ciao a tutti! Il mio nome è Lucrezia, quello che mi piace di più è condividere con voi le mie ricette e conoscere le vostre per rifarle e gustare con voi, anche se non fisicamente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

3 × 1 =